.
Annunci online

le ali della libertà - questo blog è un diario di pura fantasia, i nomi dei personaggi e dei luoghi che vi compaiono sono inventati; opinioni,fatti,misfatti riferiti a fatti o persone realmente esistite è puramente casuale e non voluto
IL TGCOM METTE ALLA GOGNA UNA GIOVANE DONNA VITTIMA DI UN'AGGRESSIONE DOPO UN PORNO AMATORIALE
post pubblicato in giornalisti senza ordine, il 9 agosto 2006


Che le redazioni fossero piene di persone superficiali, poco professionali, ignoranti come zucche e abili solo nel copia-incolla era una cosa notoria ma che addirittura si arrivasse alla gogna mediatica, era un'esperienza che ci saremmo voluti evitare. Leggo su TGCOM di una giovane donna vittima di un'aggressione da parte del partner, per il rifiuto, opposto dalla stessa, alla richiesta di rigirare un video porno amatoriale. E fin qui nulla di strano, visto che siamo nel paese del BEN-GODI ma tra le righe avverto la presenza di un errore anzi di un orrore in termini di comunicazione e di rispetto della normativa sulla privacy e non solo. E' riportata la via di residenza della vittima dell'aggressione cosa che, visto l'ambito pririginoso in cui è maturata la vicenda, rischia di essere fatale alla poveretta. Tutta Italia ora può sapere che è un'amante del sesso esibito e questo la espone ad un rischio notevole e incalcolabile all'onore e alla vita di relazione. Ora il blogger astuto manda una mail per avvertire la redazione ma ovviamente la cassetta di posta di TGCOM è stracolma. Complimenti ragazzi...davvero complimenti!!! Dopo cinque minuti mi accorgo che lo stesso hanno fatto quelli del corriere della sera. Mando anche a loro la mail ma indovinate??? Il sistema non riesce a recapitare la mail. Della serie bis in idem degli incapaci...

Il messaggio non ha raggiunto alcuni o tutti i destinatari.Oggetto: articolo rdal titolo "massacrata dopo porno casalingo"Inviato: 09/08/2006 12.17 Impossibile raggiungere i seguenti destinatari: redazione@tgcom.it 09/08/2006 12.17.Impossibile recapitare il messaggio. La cassetta postale del destinatario è piena.< aa011msg.fastweb.it #5.2.2 smtp; 552 RCPT TO:<redazione@tgcom.it> Mailbox disk quota exceeded>




 

9/8/2006

Massacrata dopo porno casalingo

Genova: lui insoddisfatto la picchia

 

 

 

 

Pugni, calci e infine il ricovero in ospedale con ferite guaribili in 25 giorni: così si è conclusa la serata trasgressiva di una coppia genovese. I due avevano deciso di girare un film porno amatoriale ma lui, dopo aver visto le immagini, non era soddisfatto e ha quindi chiesto alla fidanzata un secondo ciak. Al rifiuto della ragazza è scattato il raptus di ira.

A registrare la denuncia sono stati i medici dell'ospedale San Martino di Genova che hanno prestato i primi soccorsi alla ventenne. La ragazza, residente in via (non riporto la via per evitare di duplicare l'aberrante errore), ha riferito ai sanitari di essere stata vittima di un pestaggio ad opera del compagno, pure lui ventenne, con il quale aveva girato un filmato pornografico amatoriale nell'abitazione in cui i due convivono.

"Quando abbiamo finito di registrare, lui ha rivisto ha il filmato - ha detto tra le lacrime la giovane - Ne era insoddisfatto, si è alterato. Voleva che lo rifacessimo. Io ho rifiutato e lui mi ha massacrata". Sul caso di percosse è stata avviata un'indagine dall'autorità giudiziaria.

dal sito del CORRIERE

Avviata un'indagine dall'autorità giudiziaria
Il video porno riesce male e lui la massacra
E' successo a Genova, lei ne avrà per quasi un mese. «Voleva che lo rifacessimo - dice -, io ho rifiutato e lui mi ha picchiata».
 
GENOVA - Una ventenne residente in via (idem come sopra), nel quartiere di Struppa, è stata ricoverata nella notte presso l'ospedale San Martino di Genova dopo avere subito percosse gravi, tali da provocarle lesioni giudicate dai medici guaribili in venticinque giorni.

La ragazza ha riferito ai sanitari di essere stata vittima di un pestaggio ad opera del compagno, pure lui ventenne, con il quale aveva girato un filmato pornografico amatoriale nell'abitazione in cui i due convivono.

«Quando abbiamo finito di registrare, lui ha rivisto ha il filmato - ha detto tra le lacrime la giovane donna - ne era insoddisfatto, si è alterato. Voleva che lo rifacessimo. Io ho rifiutato e lui mi ha massacrata». Sul caso di percosse è stata avviata un'indagine dall'autorità giudiziaria.
09 agosto 2006

 




permalink | inviato da il 9/8/2006 alle 12:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (-1) | Versione per la stampa
Sfoglia gennaio       
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv